Archivi tag: ceccano

Suraíz, il meteo è avverso, rinviamo al 28 maggio

Ci abbiamo provato fino all’ultimo a sfidare le condizioni atmosferiche ma, alla fine, dobbiamo arrenderci. Suraíz, il nostro evento dedicato all’America Latina, è rinviato causa maltempo a Sabato 28 Maggio, dalle ore 16, sempre alla Villa Comunale di Ceccano.

Il lavoro certosino, la preparazione, gli sforzi delle decine di volontari che stanno lavorando con passione a Suraíz non possono rischiare di essere compromessi dalla pioggia. Il 28 maggio sarà per tutti coloro che decideranno di intervenire un pomeriggio indimenticabile, questo possiamo prometterlo!

Restate aggiornati, continueremo a informarvi su tutte le novità.

13095943_1710593695861837_7185762323288997026_n

Annunci

Suraíz, il programma

Sarà una serata speciale, all’insegna delle charlas, i dialoghi e scambi di opinioni classici dell’America Latina, da intraprendere magari seduti sul prato sorseggiando un mate; delle piñatas, il gioco tradizionale messicano per eccellenza, con i bambini mascherati che cercheranno di rompere la piñata e scoprirne le sorprese.

L’evento promosso da IndieGesta per Venerdì 13 maggio alla Villa comunale di Ceccano sarà una vera e propria esperienza nel mondo magico dell’America Latina. Questo il programma di eventi:

Ore 18.00 Apertura Evento con Aree Espositive, Gioco delle piñatas per bambini e proiezione di un film di animazione;

Ore 18.30 Geografia Gastronomica dell’America Latina, dimostrazione culinaria a cura dello chef Danilo Diana dell’Associazione “Amici del Messico”. A seguire Aperitivo Latinoamericano e Reading dedicato al Premio Nobel per la Letteratura Gabriel Garcia Marquez.

Ore 21.00 Proiezione del documentario “Un Azard Habanero”, di Chiara Bellinie e Francesco Scura, alla presenza degli autori.

Da inizio a fine manifestazione, musiche, suoni, immagini e colori dell’America Latina. Un evento da non perdere!

SuRaíz, il 13 maggio l’America Latina a Ceccano

Il 2016 è l’anno delle sperimentazioni per IndieGesta, dopo l’Earth Day arriverà il 13 maggio “SuRaíz”, dalle 18 fino a tarda sera tra la Biblioteca e la Villa comunale di Ceccano.

SuRaíz racconta già nel nome stesso, un’identità.

La radice del Sud, di un Sud dalle coordinate geografiche molto ampie, un territorio immenso che si estende dal Messico fino alla Terra del Fuoco e che abbraccia la pluralità e la particolarità delle culture che lo compongono.  IndieGesta presenta un viaggio attraverso l’America Latina, il continente delle molteplici appartenenze culturali, delle forti contraddizioni sociali e di rilevanti produzioni culturali e artistiche. SuRaíz vuole essere un’esperienza condivisa che, all’interno della comune cornice di lingua spagnola,  indaghi il panorama culturale di quattro aree in particolare: Messico, Cuba, Colombia e Argentina.

SuRaíz sarà un’esperienza condivisa con tante persone ispanoamericane che meglio di qualsiasi pagina, tela o pellicola ci racconteranno e si racconteranno. D’altronde come amava affermare lo scrittore cubano, Alejo Carpentier  “Los mundos nuevos deben ser vividos antes de ser explicados” (I mondi nuovi devono essere vissuti prima di essere spiegati).

Attraverso questo nuovo tipo di esperienza il pubblico si ritroverà immerso nei colori, nei suoni, nei sapori e negli odori dei 4 Paesi scelti per questa prima edizione. Ne potranno ammirare la storia, l’arte, le immagini, gustarne i cibi, ascoltarne il ritmo, discutere la loro storia, la loro politica, la loro cultura. Sarà un viaggio di cui a poco a poco nei prossimi giorni vi sveleremo le tappe.

 

#EARTHDAY2016 Flash Mob per la Terra

La nostra Giornata per la Terra continua con un bel Flash Mob.
Senza fare rumore, senza fare clamori, per celebrare l’amore per la Terra e per dimostrare come tutti i cittadini possano dare il proprio contributo al miglioramento della qualità della vita, abbiamo deciso di piantare due alberi in due punti diversi della città. In Viale della Libertà, nel piccolo parco vicino al Monumento alle Vittime del Terrorismo, abbiamo piantato una Casuarina, un fantastico esemplare di pino considerato tra le piante più efficaci per l’assorbimento delle polveri sottili nell’aria. In Piazzale Peppino Impastato, nel piccolo parco “L’Isola che c’è”, abbiamo piantato un Bagolaro, una pianta anch’essa nemica delle pm10, che quando crescerà darà ombra e riparo ai tanti bambini che giocheranno nel parco negli anni a venire.
La Terra la salvano gli uomini con le piccole azioni quotidiane.
#earthday2016
91cceb9b-e7d0-4980-b2f1-8d5f9666b80a

#EARTHDAY2016, depositata la proposta contro le polveri sottili

Come promesso, questa mattina abbiamo dato il via alle celebrazioni della Giornata Mondiale della Terra presentando in Municipio una proposta popolare, corredata da 79 firme, contenente una serie da azioni da intraprendere per contrastare gli sforamenti del livello minimo di polveri sottili nell’aria, un dramma che vede la nostra città ai vertici di una drammatica classifica nazionale. La proposta popolare, che l’Amministrazione comunale dovrà valutare entro i prossimi 30 giorni, contiene una serie di misure più restrittive di controllo delle emissioni che coinvolga anche le attività produttive presenti sul territorio, oltre ad una proposta concreta volta all’implementazione della piantumazione di alberi sul territorio cittadino, sfruttando soprattutto le aree contaminate (e di conseguenza inutilizzabili) lungo il fiume Sacco.

Questo il testo della proposta:

PROPOSTA PER IL CONTRASTO ALL’INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Premesso che

La nostra città è da anni afflitta da un pesante inquinamento atmosferico dovuto ad un elevata concentrazione di polveri sottili nell’aria, tale da farla risultare addirittura tra le più inquinate d’Italia. Le Amministrazioni comunali che si sono succedute nel corso degli ultimi decenni non sono mai riuscite ad arginare il fenomeno, se non con provvedimenti a norma di legge che però, ad oggi, non hanno fatto neppure sperare in un qualche miglioramento della situazione. Neanche la recente Ordinanza n. 21 del 16.02.2016, che ha istituito nei giorni 21.02.2016 e 06.03.2016 il blocco totale della circolazione veicolare nel centro urbano, ha contribuito a migliorare la situazione. Occorre una pianificazione più efficace e provvedimenti più restrittivi a lungo termine per cercare di migliorare davvero una situazione che sta compromettendo anche la salute dei cittadini di Ceccano.

Considerato che

L’Articolo 52 comma 1 dello Statuto comunale prevede che un numero non inferiore a 50 di elettori del Comune di Ceccano può avanzare proposte per l’adozione di atti amministrativi di competenza dell’Ente e che tali proposte siano sufficientemente dettagliate in modo da non lasciare dubbi sulla natura dell’atto ed il suo contenuto dispositivo

I firmatari della presente Proposta chiedono l’adozione dei seguenti Atti Amministrativi:

  • Una nuova Ordinanza in cui, oltre al blocco totale della circolazione veicolare, siano introdotte le seguenti misure:
  • Tutte le attività produttive autorizzate alle emissioni in atmosfera ai sensi del D. Lgs. n. 152/06 e ss.mm.ii. o della normativa previgente, dovranno ridurre le emissioni di polveri totali e di ossidi di azoto in modo tale da attenersi a limiti inferiori del 10% rispetto ai limiti autorizzati, salvo quelle autorizzate con limiti uguali od inferiori al 45% dei limiti nazionali (per limiti autorizzati si intendono le concentrazioni, nonché i flussi di massa per unità di tempo uguali od inferiori al giorno) con effetto dalla data di emissione della presente ordinanza.
  • Le attività produttive di panificazione e ristorazione che utilizzano la combustione di biomasse per la cottura dei cibi, in apparecchiature varie inclusi i forni chiusi o aperti ed i foconi per le griglie, dovranno dotare tali apparecchiature di idonei impianti di abbattimento delle polveri sottili nei fumi, realizzati secondo le migliori tecnologie disponibili, che eliminino almeno l’80% delle polveri sottili PM10, predisponendo inoltre una presa fiscale a monte di tali sistemi ed una a valle per eventuali controlli, oppure dovranno convertirle con alimentazione elettrica o a metano o a GPL. I titolari delle attività di cui al presente punto dovranno: a) comunicare al Comune, entro il ……., mediante autodichiarazione ai sensi del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e ss.mm.ii., le seguenti informazioni: ragione sociale, indirizzo dell’attività, descrizione della combustione di biomasse utilizzata, quantità media annua di biomassa utilizzata, quantità media giornaliera di biomassa utilizzata nei giorni di funzionamento, tipo denominazione commerciale e marca dell’impianto di abbattimento delle polveri nei fumi eventualmente già installato, efficienza del medesimo impianto eventualmente installato relativa alla riduzione delle polveri sottili PM10; b) comunicare al Comune, entro il …….., mediante autodichiarazione ai sensi del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e ss.mm.ii., le seguenti informazioni: ragione sociale, indirizzo dell’attività, descrizione della combustione di biomasse utilizzata, tipo denominazione commerciale e marca del filtro realizzato secondo la migliore tecnologia disponibile (per i forni alimentari a legna attualmente il ciclo di filtraggio/depurazione dei fumi ad umido con ventilazione forzata, che eliminano almeno il 90% delle polveri sottili, oppure alternative tecnologiche di pari efficacia depurativa) installato in attuazione dell’ordinanza, efficienza del filtro installato relativa alla riduzione delle polveri sottili PM10, ditta installatrice, copia delle fatture IVA di fornitura dell’impianto e di installazione del medesimo, copia della dichiarazione dell’installatore di conformità, ai sensi T.U. Edilizia, se necessaria.
  • Divieto dal 1° gennaio al 31 marzo e dal 1° ottobre al 31 dicembre di ciascun anno, su tutto il territorio comunale, di accensione di fuochi liberi a cielo aperto per la combustione di qualunque materiale di origine vegetale, quali, ad esempio, gli scarti vegetali originati da potature o sfalci.
  • Incremento delle specie arboree su tutto il territorio comunale come forma di contrasto alla concentrazione di polveri sottili.

L’aumento delle superfici di terreno urbanizzate non ha solo un evidente impatto negativo sulla tutela e conservazione delle acque e del suolo. La perdita del patrimonio boschivo e delle zone verdi con la progressiva cementificazione e asfaltatura ha una diretta conseguenza sulla qualità dell’aria e sulle condizioni climatiche nelle aree urbane: minor vegetazione vuol dire anche minor capacità di depurazione dell’aria e riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2), uno dei principali gas climalteranti. Oltre al più conosciuto processo di fotosintesi, ossia la capacità della vegetazione di assorbire le emissioni di CO2, rallentando l’incremento in atmosfera dei gas serra prodotti dalle numerose forme di combustione (petroli, carbone, metano, legna, ecc.), alcune specie arboree (ad esempio quelle a foglia caduca), sono in grado di assorbire e trattenere due fra gli inquinati più complessi e pericolosi presenti nell’atmosfera urbana: le polveri sottili, i composti organici volatili (COV), il monossido di carbonio (CO), gli ossidi di azoto (NOx) e l’ozono troposferico (O3). Anche le piante ornamentali sono in grado di svolgere un’azione depuratrice, come le barriere di siepi profonde, che sono in grado di abbattere in qualche misura il piombo nell’aria che le attraversa. Inoltre, nell’ambiente cittadino alcune piante sono validi indicatori dell’inquinamento atmosferico e del suolo. In merito alle misure da applicare per la riduzione dell’ozono, si chiede all’Amministrazione comunale di intraprendere atti amministrativi volti all’incentivazione delle colture di specie vegetali e arboree non produttrici di idrocarburi biogenici precursori dell’ozono, come i COV, e l’estensione della piantumazione nelle aree più sensibili come parchi, scuole, asili, ospedali, sino ad arrivare ad un rapporto di un albero per ogni cittadino. Per questo è necessario considerare la forestazione urbana e l’incremento delle aree verdi (individuando le specie da privilegiare) al pari delle altre infrastrutture che incidono sensibilmente nella sostenibilità e qualità dell’ambiente cittadino. Lo sviluppo della piantumazione di specie arboree su tutto il territorio comunale potrà inoltre essere incentivata anche in tutte le aree inquinate a ridosso del fiume Sacco, in modo da contrastare i veleni del fiume e al tempo stesso portare a nuova vita decine di ettari di terreno non più coltivabile. In merito a questa proposta ci rendiamo disponibili ad offrire all’Amministrazione comunale una consulenza maggiormente particolareggiata.

3efda20b-78c7-4848-99bd-f7d0ab336694

#earthday2016, Una Giornata per la Terra

Una giornata per ribadire l’importanza di salvaguardare il nostro Pianeta ed in primis l’ambiente in cui viviamo. Per questo motivo IndieGesta ha aderito per il secondo anno consecutivo alla Giornata Mondiale della Terra, in programma venerdì 22 aprile in centinaia di città in tutto il mondo, Ceccano sarà tra queste. Si partirà dalla mattina, con il deposito in Municipio di una proposta, corredata da oltre 50 firme, contenente una serie di interventi da intraprendere per contrastare i costanti sforamenti al livello minimo di polveri sottili. Il limite consentito dalla legge è 35 sforamenti in un anno, Ceccano nel 2015 ha superato il livello critico ben 121 volte, e dall’inizio del 2016, in soli tre mesi, è già a 41 e l’approccio con cui è stato affrontato fino ad oggi il problema è stato troppo morbido. Fitto poi il programma del pomeriggio. Dalle 16.30 al Cinema Italia avrà luogo il simpatico laboratorio “Perché Buttarlo?”, una sorta di “Art Attack” legata al riciclo tutta dedicata ai bambini. Il laboratorio è gratuito e sarà tenuto dai nostri Luca Di Folca e Giorgio Del Brocco. Dalle 18 poi sempre al Cinema Italia sarà in programma un piccolo Mercatino del Baratto, il cui scopo primario è quello di favorire lo scambio, il recupero, il riutilizzo e il riciclo degli oggetti di consumo che vengono utilizzati quotidianamente, diffondendo una cultura del recupero, evitando lo spreco di risorse in una precisa ottica di economia ecosostenibile e di solidarietà sociale. Il mercatino è l’occasione per dare nuova vita a quegli oggetti che, pur belli e ancora ben conservati, non servono più e che si possono scambiare con qualcos’altro di utile. Per partecipare al Mercatino è necessario inviare una mail di adesione all’indirizzo indiegesta@gmail.com. Gli interessati riceveranno una copia del regolamento da portare firmato il giorno del mercatino. Dalle 19.30, come già avvenne lo scorso anno, avrà luogo un aperitivo a km 0, realizzato cioè solo con prodotti tipici di Ceccano e dintorni, prodotti di qualità senza costi di trasporto, un altro modo per contrastare gli sforamenti di polveri sottili nell’aria. La serata si concluderà poi con la proiezione del documentario “Il Sale della Terra”, di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado. Tutti gli eventi saranno ad ingresso gratuito.

image

Omofobiastop, una risposta che non ci soddisfa

L’abbiamo sollecitata qualche settimana fa e finalmente è arrivata, anche se non possiamo nascondere una certa delusione. L’Amministrazione comunale ha risposto alla nostra proposta di Mozione di condanna dell’Omofobia con una nota scritta. Nel testo si legge che la richiesta non può essere sottoposta all’esame del Consiglio Comunale in quanto il ricorso all’articolo 52 dello Statuto è limitato ad atti di natura amministrativa, che abbiano contenuto dispositivo e che siano di stretta competenza dell’ente. La chiusura della nota è positiva, in quanto l’Amministrazione ha assicurato “il massimo impegno nello svolgimento di azioni in coordinamento con le associazioni del territorio”. Di questo ne siamo certi, perché la sensibilità dell’Amministrazione è forte e aperta a tutte le istanze della società civile. Per questo motivo siamo rimasti delusi dalla replica, in quanto il testo della Mozione era perfettamente in linea con lo spirito dell’articolo 52 dello Statuto, soprattutto nel passaggio “Il Consiglio comunale impegna il Sindaco a promuovere, anche in coordinamento con le associazioni e gli organismi operanti nel settore, iniziative destinate a sensibilizzare l’opinione pubblica verso la cultura delle differenze, la prevenzione e la condanna degli atteggiamenti e dei comportamenti di natura omofobica e transfobica”. Nelle Linee Programmatiche di Mandato dell’Amministrazione, nello spazio dedicato alle Pari Opportunità, è riportato che ”Le politiche per le pari opportunità per essere realmente efficaci necessitano, per loro stessa natura, di una cultura predisposta a recepirle. E’ essenziale, pertanto, che vengano accompagnate da azioni capillari di diffusione e di sensibilizzazione in maniera tale da stimolare su queste tematiche l’intera cittadinanza e la classe dirigente.” Era esattamente ciò che chiedevamo e che speravamo venisse recepito. La nostra battaglia non si fermerà qui. Ci auguriamo però che anche qualche esponente politico faccia propria questa battaglia, che non è personale o di una sola parte, ma è una battaglia per l’affermazione dei diritti civili di una fetta della popolazione, anche ceccanese, costretta a subire discriminazioni quotidiane senza avere neppure l’opportunità di denunciarle.

Questo il testo della Nota Prot. n. 5216 del 23.03.2016

“Con riferimento alla Vs. richiesta di adozione, ai sensi dell’art. 52 co. 1 dello Statuto comunale di una mozione volta ad invitare il Governo italiano a “promuovere l’introduzione di programmi scolastici di ogni ordine e grado di elementi formativi che conferiscano agli studenti autonomia e capacità di analisi”, nonché ad impegnare il Sindaco a “promuovere, anche in coordinamento con le associazioni e gli organismi operanti nel srttore, iniziative destinate a sensibilizzare l’opinione pubblica verso la cultura delle differenze, la prevenzione e la condanna degli atteggiamenti e dei comportamenti di natura omofobica e trans fobica” e “a promuovere, in collaborazione con gli organismi istituzionali di competenza, interventi nella scuola, perché istituzione deputata all’educazione dei futuri cittadini a una cultura delle diversità e quindi luogo principale per lo sviluppo di iniziative dedicate alla lotta contro le discriminazioni”.
L’articolo 52 comma 1 prevede espressamente che “Qualora un numero di elettori del Comune non inferiore a cinquanta avanzi al Sindaco proposte per l’adozione di atti amministrativi di competenza dell’Ente e tali proposte siano sufficientemente dettagliate in modo da non lasciare dubbi sulla natura dell’atto ed il suo contenuto dispositivo”.
Lo Statuto comunale, pertanto, limita il ricorso alla procedura di cui all’art. 52 esclusivamente ad atti di natura amministrativa, che abbiano contenuto dispositivo e che siano di stretta competenza dell’ente. La proposta avanzata da codesta Associazione fa riferimento in parte ad azioni di competenza del Governo, per le quali esistono strumenti di partecipazione previsti dalla stessa Carta Costituzionale di natura differente, ed in parte ad azioni di natura “politico-culturale” sicuramente non riconducibili ad atti amministrativi di contenuto dispositivo.
Per tali ragioni, pur assicurando il massimo impegno di questa amministrazione nello svolgimento di azioni in coordinamento con le associazioni del territorio come avvenuto di recente con codesta associazione, la richiesta non può essere sottoposta all’esame del Consiglio Comunale.”

Questa la nostra proposta: Lotta all’Omofobia, Proposta al Consiglio Comunale di Ceccano