Chi Siamo

L’Associazione culturale IndieGesta è stata fondata il 22 giugno 2001 a Ceccano (Fr) da un gruppo di 20 ragazze e ragazzi al di sotto dei trent’anni. Fin dalla fondazione IndieGesta si è strutturata in tre aree tematiche: Area Blu (iniziative culturali: musica, cinema, teatro, arte, fotografia); Area Bianca (solidarietà, adozioni a distanza, integrazione multiculturale); Area Verde (ambiente, sviluppo sostenibile).

L’Associazione gestisce il Cinema Italia, una sala comunale in cui organizza i corsi della Dieciminuti Academy, una scuola di arti visive fondata nel 2009, e altre attività in proprio o in collaborazione con altre organizzazioni no profit.
Nel corso degli anni IndieGesta si è resa protagonista di diverse iniziative sociali, quali la campagna a sostegno di Emergency, che è valsa all’associazione il prestigioso riconoscimento del Premio “Antonella Cecconi” per la Solidarietà e il Volontariato nel 2002, e la campagna per il recupero della memoria storica, culminata con la realizzazione del libro-film “Ore dieci e quaranta”, lavoro premiato con il Premio Giornalistico Internazionale “Inars Ciociaria 2004″, e con il riconoscimento per la città di Ceccano della Medaglia al Merito Civile per le tragedie subite nel corso della Seconda Guerra Mondiale. A questo si aggiungono le centinaia di iniziative di prestigio internazionale organizzate in questi sette anni di attività, quali ad esempio: il Women&Blues Festival, l’IndieGesta Music Festival, l’IndieJazz Festival, l’Imboscata Rock Festival, il Premio nazionale di poesia “Pensieri di Pace”, il Dieciminuti Film Festival, la Photoweek, Parole nel Cassetto, Eco Reattivo, Carta Scoperta, Madre Terra.

A Ceccano IndieGesta ha poi portato avanti campagne per l’istituzione della figura del consigliere aggiunto in rappresentanza degli immigrati, per la creazione di una consulta giovanile comunale, campagne contro l’omofobia e l’inquinamento da polveri sottili e molto altro. Dal 12 aprile 2021 è diventata una APS, in ottemperanza al Codice del Terzo Settore.

IndieGesta is a cultural organisation founded in Ceccano, Italy, on 2001. Since the foundation, the aims was multiple: promote cultural events (music, movies, art, theatre) and promote a different way of civil participation to make a better life in our town. In 13 years of activity IndieGesta has promoted more of 100 events, the most importants are Dieciminuti Film Festival (international short film competition, 9 editions and 2000 short films), L’Imboscata (underground local music festival), IndieJazz (jazz festival), Women & Blues Festival (international blues festival), Dieciminuti Academy (school of performance arts with 120 students in 2013).. and many other activities in Environment and Solidarity.

__________________________________________________________

Consiglio Direttivo (2019-2021). In carica dal 14.09.2019

Alessandro Ciotoli, Presidente

Francesca Lauretti, Vice-Presidente, Tesoriere

Alessia Cristofanilli, Segretaria

Andrea Ciotoli, Responsabile Ambiente

Marino Cervoni, Consigliere 

Emilio Zambon, Consigliere 

Michela Altobelli*, Consigliere 

(*Eletta dall’Assemblea il 23.01.2021 in sostituzione di Giorgio Del Brocco)

__________________________________________________________

Sede Legale e Base Operativa: Cinema Italia, Borgo Garibaldi, 82 – 03023 Ceccano (Fr) – Italia

Indirizzo email: indiegesta@gmail.com – Telefono: 0039 – 328 122 3188

PEC: indiegesta@pec.it

__________________________________________________________

Cronistoria dei Direttivi IndieGesta dal 2001

2001-2003 Alessandro Ciotoli (Presidente), Giorgio Giansanti (Vice-Presidente), Vanessa Savoni (Tesoriere)

2003-2004 Alessandro Ciotoli (Presidente), Mario Malizia (Vice-Presidente), Marcello Tucci (Responsabile Area Blu), Alessandro Liburdi (Responsabile Area Bianca), Giovanni Pizzuti (Responsabile Area Verde)

2004-2005 Alessandro Ciotoli (Presidente), Mario Malizia (Vice-Presidente, Responsabile Area Blu), Lucia Cremonesi (Responsabile Area Bianca), Giovanni Pizzuti (Responsabile Area Verde), Piera Del Monte (Segretaria)

2005-2006 Alessandro Ciotoli (Presidente), Mario Malizia (Vice-Presidente, Responsabile Area Blu), Lucia Cremonesi (Responsabile Area Bianca), Massimo Crocca (Responsabile Area Verde), Sara Ardovini (Segretaria)

2006-2009 Massimo Crocca (Presidente), Alessandro Ciotoli (Vice-Presidente), Mario Malizia (Responsabile Area Blu), Daniela Lima (Responsabile Area Verde), Sara Ardovini (Responsabile Area Bianca)

2009-2012 Alessandro Ciotoli (Presidente), Massimo Crocca (Vice-Presidente), Mario Malizia (Vice-Presidente)

2012-2014 Alessandro Ciotoli (Presidente), Serena Carcasole (Vice-Presidente), Angelo Macciocca (Tesoriere), Francesca Ciotoli (Consigliere), Christian Boccia (Consigliere), Giovanni Masi (Consigliere), Giovanni Proietta (Consigliere)

2014-2015 Alessandro Ciotoli (Presidente), Giovanni Masi (Vice-Presidente), Angelo Macciocca (Tesoriere), Francesca Ciotoli (Consigliere), Sara Sodani (Consigliere), Emanuele De Sanctis (Consigliere), Giovanni Proietta (Consigliere)

2015-2017 Alessandro Ciotoli (Presidente), Daniele Fontana (Vice-Presidente), Angelo Macciocca (Tesoriere), Francesca Ciotoli (Consigliere), Sara Sodani (Consigliere), Eleonora Di Mario (Consigliere), Graziano Molinari (Consigliere)

2017-2019 Alessandro Ciotoli (Presidente), Andrea Ciotoli (Vice-Presidente), Marino Cervoni (Tesoriere), Shana Dafne Di Spirito (Consigliere), Sara Bucciarelli (Consigliere)

STATUTO

Art. 1. È costituita ai sensi dell’Articolo 36 e seguenti del Codice Civile l’Associazione denominata IndieGesta APS, con sede legale in Borgo Garibaldi, 82, Ceccano (Fr).

Art. 2. L’Associazione è costituita per il perseguimento senza scopo di lucro di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento, in via esclusiva o principale, di attività di interesse generale. L’Associazione non ammette discriminazioni di sesso, di etnia, di lingua, di nazionalità, di credo politico e di fede religiosa. L’Associazione è un centro di vita associativa a carattere volontario e democratico, è aperto a chiunque si occupi di ricerca, promozione e produzione di attività artistiche, culturali, musicali, ambientali e sociali.

Art. 3. Per il raggiungimento delle predette finalità, eserciterà in via esclusiva o principale le seguenti attività di interesse generale, ai sensi dell’Articolo 5 Comma 1 del Decreto Legislativo 117/2017:

1) educazione, istruzione e formazione professionale, ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53, e successive modificazioni, nonché le attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

2) interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio, ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni;

3) organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale;

5) formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;

6) promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;

7) riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata.

L’Associazione può inoltre svolgere attività diverse, secondarie e strumentali rispetto alle attività di interesse generale, quali ad esempio:

  1. favorire in ogni modo l’aggregazione giovanile agendo anche in collaborazione con altre associazioni, coordinamenti o società;
  2. promuovere il rispetto e la tutela dell’ambiente tramite campagne di sensibilizzazione ed iniziative volte a favorire una maggiore vivibilità della città ed una maggiore tutela delle sue aree verdi.

Art. 4. L’Associazione può altresì svolgere attività di raccolta fondi al fine di finanziare le attività di interesse generale, anche in forma organizzata e continuativa mediante sollecitazione al pubblico o attraverso la cessione o erogazione di beni o servizi di modico valore, impiegando risorse proprio e di terzi, inclusi volontari e dipendenti, nel rispetto dei principi di verità, trasparenza e correttezza nei rapporti con i sostenitori e il pubblico ed in conformità al disposto legislativo. L’Associazione può avvalersi di volontari, siano essi associati o meno, nello svolgimento delle proprie attività. Ai volontari possono essere rimborsate dall’Associazione soltanto le spese effettivamente sostenute e documentate per l’attività prestata, entro limiti massimi e alle condizioni preventivamente stabilite dal Consiglio Direttivo.

Art. 5. Il numero dei soci è illimitato. All’Associazione possono aderire tutti coloro che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età.

Art. 6. È prevista la creazione di gruppi culturali nell’ambito di tutto il territorio dell’Unione Europea. Detti gruppi sono parte integrante dell’Associazione e partecipano attivamente a tutte le sue iniziative sia nella propria area di competenza che in tutte le aree in cui è costituito un gruppo dell’Associazione. Ogni gruppo elegge al proprio interno un Responsabile, che fa parte di diritto del Consiglio Direttivo dell’Associazione.

Art. 7. Per essere ammesso a socio è necessario presentare domanda scritta al Consiglio Direttivo, che ne voterà a maggioranza assoluta l’ammissione entro il decorso del settimo giorno. Il richiedente dovrà indicare le proprie generalità e dichiarare espressamente di accettare il presente Statuto. L’approvazione della domanda e il pagamento della quota sociale danno diritto a partecipare alle assemblee dei soci con diritto di voto. Nel caso la domanda venga respinta l’interessato potrà presentare ricorso sul quale si pronuncia in via definitiva la prima assemblea ordinaria dei soci.  Le dimissioni da socio vanno presentate per iscritto al Consiglio Direttivo.

Art. 8. I soci hanno diritto di partecipare a tutte le iniziative indette dall’Associazione. Ogni socio, purché iscritto nel libro soci da almeno tre mesi, ha diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e degli eventuali regolamenti, per l’elezione degli organi amministrativi dell’Associazione stessa nonché, se maggiore di età, ha diritto a proporsi quale candidato per gli organi dell’Associazione. Ogni socio ha diritto ad esaminare i libri sociali, previa richiesta scritta al Consiglio Direttivo entro 7 giorni dalla richiesta. In particolare, l’accesso ai predetti libri potrà avvenire con le seguenti modalità: Condivisione Cartella sullo spazio Google Drive riservato agli atti e ai documenti dell’Associazione.

 Art. 9. I soci sono tenuti:

  1. al pagamento della quota sociale;
  2. all’osservanza dello Statuto, di eventuali regolamenti interni e delle deliberazioni prese dagli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa sociale mediante versamenti di quote straordinarie.

 Art. 10. I soci sono radiati nei seguenti casi:

  1. quando non ottemperino alle disposizioni del presente Statuto, ai regolamenti interni ed alle deliberazioni prese dagli organi sociali;
  2. quando si rendano morosi del pagamento delle quote sociali ordinarie e straordinarie senza giustificato motivo;
  3. quando in qualunque modo arrechino danni morali o materiali all’Associazione.

Le espulsioni e le radiazioni saranno decise dal Consiglio Direttivo a maggioranza qualificata. I soci radiati per morosità potranno dietro domanda essere riammessi dopo il pagamento delle quote dovute.

 Art. 11. Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito:

  1. dal patrimonio mobiliare ed immobiliare dell’Associazione;
  2. dai contributi, donazioni o lasciti diversi;
  3. dal fondo di riserva.

L’Associazione non può distribuire, anche in modo indiretto, utili e/o avanzi di gestione nonché fondi, riserve comunque denominate a fondatori, soci, lavoratori e collaboratori, amministratori ed altri componenti degli organi sociali, anche nel caso di recesso o in ogni altra ipotesi di scioglimento individuale del rapporto associativo.

L’Associazione ha l’obbligo di utilizzo del patrimonio, comprensivo di eventuali ricavi, rendite, proventi, entrate comunque denominate, per lo svolgimento dell’attività statutaria ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.

 Art. 12. Le quote sociali, ordinarie e straordinarie non sono rimborsabili in nessun caso. La quota sociale ordinaria annuale ammonta a 10,00 € per i Soci Attivi, e dà diritto a partecipare a tutte le attività dell’Associazione e a tutte le votazioni inerenti le decisioni e le attività da svolgere durante l’anno, e a 5,00 € per i Soci Simpatizzanti, e dà diritto al semplice possesso della tessera.

 Art. 13. Le assemblee dei soci possono essere ordinarie o straordinarie; vengono convocate per lettera o mezzo informatico ai soci, con almeno sette giorni d’anticipo. La seconda convocazione è prevista almeno un’ora dopo la prima.

 Art. 14. L’assemblea ordinaria viene convocata ogni anno entro il 31 gennaio. Essa:

  1. approva le linee generali del programma di attività per l’anno sociale;
  2. elegge il Consiglio Direttivo;
  3. ha facoltà di eleggere il Collegio Sindacale se lo ritiene necessario;
  4. approva il bilancio preventivo e consuntivo;
  5. delibera sui ricorsi presentati di cui all’art. 7.

 Art. 15. L’assemblea straordinaria è convocata:

  1. tutte le volte che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno;
  2. su richiesta del Collegio Sindacale;
  3. su richiesta motivata di almeno il 10% degli associati in regola con il versamento della quota associativa;
  4. in caso di valida presentazione di mozione di sfiducia.

L’assemblea dovrà avere luogo entro venti giorni dalla richiesta.

 Art. 16. In prima convocazione l’assemblea sia ordinaria che straordinaria è valida con la presenza di metà dei soci più uno. In seconda convocazione l’assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti e potrà deliberare a maggioranza semplice. Nelle assemblee, ordinarie e straordinarie, hanno diritto di voto gli associati iscritti nel libro soci da almeno tre mesi ed in regola con il versamento della quota associativa. Gli associati possono farsi rappresentare in assemblea solo da un altro associato, mediante delega scritta. Ogni associato non può ricevere più di tre deleghe.

 Art. 17. Il Consiglio Direttivo è composto da sette consiglieri, eletti tra i soci dell’Associazione, più eventualmente un rappresentante per ogni gruppo culturale costituito nell’ambito dell’Associazione, e rimane in carica due anni, con la possibilità di essere rieletto. Il Consiglio Direttivo nomina al proprio interno tutte le cariche che lo compongono: Presidente, Vice-Presidente, Tesoriere, Segretario, Responsabile Politiche Ambientali, Responsabile Progetti Europei, Responsabile Cinema Italia. La nomina del Presidente è soggetta a ratifica da parte dei soci votanti. La nomina è ratificata con la maggioranza dei due terzi dei soci votanti, in sede di Assemblea di cui all’Art. 14, in caso contrario il Consiglio Direttivo dovrà presentare una nuova nomina. I soci votanti potranno respingere la nomina del Consiglio Direttivo per un massimo di due volte. La terza nomina si considera automaticamente ratificata se approvata dalla metà più uno dei soci votanti.

 Art. 18. I candidati al Consiglio Direttivo sono tenuti a presentare la candidatura al più in sede di Assemblea per il rinnovo dello stesso. Sette giorni prima delle Elezioni, il Consiglio Direttivo stabilisce un Regolamento per la presentazione delle candidature e per l’espletamento del voto, e lo comunica a tutti gli associati attraverso tutti i canali di comunicazione a disposizione. Nei casi in cui sia necessario il voto segreto, gli scrutatori non possono essere scelti tra gli associati candidati al Consiglio Direttivo.

Art. 19. È prevista la sfiducia nei confronti di uno o più membri del Consiglio Direttivo nelle seguenti modalità:
1. il numero minimo di firme previste per la presentazione di mozione di sfiducia è pari a 1/8 dei soci attivi;
2. la mozione si intende accettata se votata dai 2/3 dell’Assemblea.

 Art. 20. Il Consiglio ha il compito di realizzare il programma di attività approvato dall’assemblea ed in questo ambito ha i più ampi poteri. Il Consiglio si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta da almeno 3 dei suoi membri e , in ogni caso, almeno 12 volte all’anno. È convocato mediante email contenente l’ordine del giorno, inviati 7 giorni prima di quello fissato per l’adunanza. L’adunanza del Consiglio Direttivo è presieduta dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice-Presidente; in assenza di entrambi, dal Consigliere più anziano. Di ogni adunanza, il consigliere segretario si occupa di redigere un Verbale e di tenere un Registro delle Deliberazioni del Consiglio Direttivo, che vanno condivisi con gli associati ad ogni aggiornamento.

 Art. 21. Ogni spesa in nome dell’Associazione ed ogni obbligo di essa nei confronti di terzi dovranno essere preventivamente deliberati ed approvati dal Consiglio Direttivo, che ha inoltre i seguenti compiti:

  1. Deliberare circa l’ammissione degli associati e, nel caso, motivarne il rigetto;
  2. Predisporre le bozze del bilancio preventivo e consuntivo;
  3. Individuare le eventuali attività diverse, secondarie e strumentali rispetto alle attività di interesse generale;
  4. Stabilire i criteri per i rimborsi ai volontari e agli associati per le spese effettivamente sostenute per le attività svolte a favore dell’Associazione;
  5. Compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell’Associazione che non siano spettanti all’Assemblea.

Art. 22. La rappresentanza dell’Associazione è del Presidente e, in sua assenza, del Vice-Presidente. Il Presidente è il Legale Rappresentante dell’Associazione a tutti gli effetti di fronte a terzi e in giudizio.

 Art. 23. Il Collegio Sindacale, se ritenuto necessario, viene eletto dall’assemblea dei soci, rimane in carica almeno due anni ed i suoi membri sono rieleggibili; esso è composto da un Presidente, due Sindaci effettivi ed un Sindaco supplente. Si riunisce ogni volta che lo ritiene opportuno e almeno una volta all’anno per controllare il bilancio e presentare una propria relazione al Consiglio Direttivo e all’assemblea dei soci.

 Art. 24. La bandiera dell’Associazione è così strutturata: fondo verde #00CC66, logo dell’associazione in giallo #FFCC00 riportato al centro della stessa.

 Art. 25. Lo scioglimento, la cessazione, l’estinzione dell’Associazione vengono ratificati dall’assemblea in seduta straordinaria. L’assemblea nomina un liquidatore e delibera altresì sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione stessa, nei limiti di cui al comma seguente.

In caso di scioglimento, cessazione o estinzione, il patrimonio residuo, dopo la liquidazione, sarà obbligatoriamente devoluto, previo parere positivo dell’Organismo competente ai sensi del D.Lgs. 117/2017, e salva diversa destinazione imposta dalla legge, a uno o più Enti di Terzo Settore o, in mancanza, alla Fondazione Italia Sociale.

Art. 26. Per quanto non previsto dal presente Statuto valgono le norme vigenti in materia di Enti del Terzo Settore (e, in particolare, la legge 6 giugno 2016 n. 106 e il D. Lgs 3 luglio 2017, n. 117 e s.m.i.) e, per quanto in esse non previsto ed in quanto compatibili, le norme del codice civile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: