IndiePop Fest, esordio adrenalinico coi BOODA!

Non ci ricordavamo di quanto fosse bello svegliarsi il mattino dopo con il torpore nella testa e la debolezza nelle gambe.
La piacevole sensazione di questa mattina ci fa tornare subito alla mente una serata magica.
Era nata per caso, dopo che il Comune aveva deciso di puntare su alcune serate sfruttando il bando Estate delle Meraviglie della Regione Lazio, chiamando alcune associazioni ad occuparsi di una serata a turno.
Ne è uscita fuori una delle più belle serate di musica mai realizzate a Ceccano e nei dintorni. C’era Silvia Zambon (alias Notfromvenus), che non aveva mai suonato da sola su un palco (dopo anni come vocalist dei Polar Station) e ha incantato tutti con la semplicità dell’ukulele e la magia della sua voce. C’erano Mario Bruni e Costantino Mizzoni (che hanno condiviso decine di palchi coi 15mos ma che debuttavano in duo come Telecasters). e hanno divertito il pubblico con un folk pop originale e orecchiabile. E poi ci sono stati loro, i Booda, che dopo essere arrivati secondi a X Factor 2019 e aver infiammato i 20mila del Forum di Assago durante la finalissima dello scorso dicembre, letteralmente non salivano su un palco per un concerto vero da allora, e avevano una voglia matta di suonare che hanno trasmesso a tutti, coinvolgendo il pubblico di una piazza 25 luglio finalmente piena e vogliosa di tornare alla normalità e alla gioia che solo la bella musica ti sa dare.
Ci siamo divertiti tutti, questa serata era quello che serviva per alzarsi dal divano e tornare a stare tra le persone, in sicurezza certo, ma guardandole negli occhi.
Per questo fantastico azzardo ringraziamo il Commissario Ranieri, Pasqualino Ardovini, Filippo Sodani e tutto il personale del 5° Settore del Comune di Ceccano, che hanno creduto nella sfida di poter dare ai ceccanesi un programma culturale nonostante l’assenza di un’Amministrazione e nonostante le misure restrittive, e non era affatto scontato perché molti altri non lo stanno facendo. Ringraziamo come sempre Pietro, Vincenzo e i ragazzi di Muzak Service, esempio di professionalità da decenni. Ringraziamo i ceccanesi, che hanno sfidato la paura, e i commercianti, che vedevamo finalmente col sorriso. Ringraziamo infine i musicisti, i tecnici e chi li ha accompagnati, e ogni persona che ieri sera ha scelto di partecipare a una serata normale in un’epoca anormale. Vi vogliamo bene 

#Blacklivesmatter, in piazza contro il razzismo

 

Decine di persone si sono inginocchiate con noi in piazza Gramsci, a Frosinone, per dare vita ad un flash mob, una manifestazione pacifica e silenziosa, di adesione al movimento #Blacklivesmatter. L’adesione è arrivata corale anche da diversi rappresentanti istituzionali del territorio.
L’omicidio di George Floyd a Minneapolis, per mano di alcuni agenti di polizia, ha mosso in tutto il mondo manifestazioni contro ogni forma di razzismo, un fenomeno che una società che si dica moderna non può permettersi di tollerare.
Un fenomeno da combattere prima di tutto quando il prezzo pagato è quello della vita.
Insieme alle migliaia di persone scese in piazza in paesi anche culturalmente lontani, come Siria, Brasile, Messico, Corea del Sud, Australia, Europa, Nuova Zelanda, e dopo la protesta di domenica scorsa a Roma, abbiamo scelto di dare il nostro contributo in maniera silenziosa ma evidente, nel gesto che è diventato simbolico dopo i fatti di Minneapolis, ma che incarna la lotta al razzismo in senso più ampio.
Le iniziative come il Black Lives Matter ci permettono di rimettere l’attenzione sul nostro Paese ancora lontano da quell’idea di società che auspichiamo, fondata e retta dai valori e principi di uguaglianza e di giustizia. Ci permettono di richiamare i governanti ad occuparsi dei migranti, dei braccianti, ma anche delle troppe e violente forme di razzismo cui assistiamo da tempo nei confronti delle comunità straniere che interagiscono con l’Italia.

Dozens of people kneeled in Piazza Gramsci (Frosinone) for a flash mob in support of the Black Lives Matter movement. It was a silent and peaceful gathering that lasted a few minutes. Many local authorities participated as well, showing their solidarity to the cause.
The death of George Floyd, killed by four police officers in Minneapolis, triggered demonstrations and protests all around the world against any form of racism, which is a phenomenon that cannot be tolerated anymore in a society that defines itself as “modern”; a phenomenon to contend first and foremost when people’s lives are at risk.
We chose to give our contribution after the Rome protest last Sunday, and after thousands of protesters gathered in countries that are culturally and geographically distinct such as Syria, Brazil, Mexico, South Korea, Australia, Europe and New Zealand. We did it in a silent but effective way, that is to say by taking a knee, the physical gesture that represents the Minneapolis protest and the fight against racism in its widest sense.
Initiatives such as Black Lives Matter allow us to bring the attention back to our country, that is still a long way from reaching the goals of equality and justice to which we all aspire.
Protests allow us to address the governments, requesting a better immigration plan, a better consideration of our farm workers and, most importantly, an action plan against all forms of racism towards foreign communities, since they occur too often and too violently in Italy.

COMUNICAZIONE DI TRASPARENZA AI SENSI DELL’ART. 1 COMMI 125-129 L. 4/8/2017,N. 124

COMUNICAZIONE DI TRASPARENZA AI SENSI DELL’ART. 1 COMMI 125-129 L. 4/8/2017,N. 124

La scrivente IndieGesta Associazione Culturale, con sede in Ceccano (Fr), Borgo Garibaldi n. 82, evidenzia, ai sensi dell’art. 1 commi 125-129 L. 4/8/2017 n. 124 quanto segue:

Denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente: IndieGesta Associazione Culturale
codice fiscale 92029450605

Denominazione del soggetto erogante:
Regione Lazio, Via R. Raimondi Garibaldi 7, 00145 Roma, codice fiscale 80143490581

Somma incassata: Euro 10.000,00

Data di incasso: 23/04/2020

Causale: “L.R. 2/2012 – Interventi per la promozione del cinema e dell’audiovisivo Avviso Pubblico DD G11764 del 24.09.2018. Annualità eventi 2019”

Evento Finanziato: Dieciminuti Film Festival 14, svoltosi dal 19 al 23 marzo 2019 a Ceccano (Fr).

 

DFF15, la selezione /the selection

Finalmente completata la selezione dei 1370 corti iscritti al quindicesimo Dieciminuti Film Festival. Ecco tutti i finalisti.

Dieciminuti Film Festival

1.370 cortometraggi arrivati da 64 nazioni sparse per i 5 continenti. Un lavoro durato mesi e mai così complesso visto l’altissimo livello medio di tutte le opere. Il DFF è pronto per annunciare i nomi dei corti finalisti di un’edizione, la numero 15, che si presenta come la migliore di sempre dal punto di vista della qualità. L’opera di selezione è stata lunga e difficile, e fuori dal concorso sono rimaste opere comunque meritevoli di attenzione che cercheremo di valorizzare nei prossimi mesi con altre iniziative parallele al festival.

Dal 17 al 21 marzo gli spettatori del DFF15 godranno di un cartellone di prima qualità, ecco tutti i nomi, partendo dalla sezione più importante, la Selezione Ufficiale: Alleluja di Paolo Geremei (Italia), Cocodrilo di Jorge Yúdice (Spagna), Disrepute di Stephane Mounkassa e Stefan Sundin (Svezia), Extra Safe di Nouran Sherif (Egitto), Happy Ending di Fernando…

View original post 946 altre parole

Tornano FilmLab e PhotoLab, l’Academy riparte

Tornano i laboratori della Dieciminuti Academy. Aperte le iscrizioni per le nuove edizioni di FilmLab e PhotoLab.

Dieciminuti Film Festival

Tornano dopo un anno sabbatico i laboratori della Dieciminuti Academy, la scuola di arti visive del DFF. Sono infatti aperte le iscrizioni per la nona edizione del FilmLab, lo storico laboratorio di cinema che insegna agli allievi come pensare, produrre, girare e completare un cortometraggio. La prima lezione del FilmLab avrà luogo Sabato 29 febbraio alle ore 15 al Cinema Italia di Borgo Garibaldi 82, a Ceccano. Il corso prevede 12 appuntamenti teorico-pratici e la realizzazione da zero di un cortometraggio che sarà poi presentato in giro per i festival di tutta Italia. Il costo per tutto il laboratorio è di euro 120 da versare al primo appuntamento e prevede costi assicurativi, materiale e coprirà il noleggio di attrezzature per le riprese. La prima lezione del PhotoLab invece, giunto alla settima edizione, avrà luogo Giovedì 27 febbraio alle ore 21, sempre al Cinema Italia. Sono previsti 8 incontri teorici e…

View original post 124 altre parole

Lazio Pride 2020, Ceccano è la scelta giusta

Sarà Ceccano la prima città candidata ad ospitare l’edizione 2020 del Lazio Pride. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri dalla pagina ufficiale della manifestazione. Per l’evento del prossimo anno, che è itinerante e che lo scorso anno si svolse con successo a Frosinone, oltre alla cittadina fabraterna saranno candidate un capoluogo di provincia e un paese dei Castelli Romani, ancora da annunciare. La decisione di candidare Ceccano arriva da IndieGesta, che ha già effettuato un sopralluogo logistico con i responsabili di ArciGay, l’ente che organizza il Pride.

La lotta alle discriminazioni è nel nostro DNA e siamo certi del fatto che Ceccano, dove la nostra associazione è nata e cresciuta, sia tra le città più adatte a promuovere e far risuonare e rivendicare quel sentimento di orgoglio per l’affermazione dei diritti civili. Storicamente Ceccano ha anticipato con eventi significativi quelle che poi sono diventate le grandi trasformazioni del Paese, basti pensare alle lotte contadine e ai grandi movimenti operai che a cavallo tra gli anni 60 e 70 hanno portato alle tutele sul lavoro che oggi sono diventate riferimento e legge. Le aspirazioni di allora sono le stesse che oggi ci portano a credere che ancora una volta siamo in prima linea per segnare il cambiamento. Per questo c’eravamo l’anno scorso al Lazio Pride di Frosinone. Abbiamo sfilato per le vie del capoluogo con le nostre bandiere e le nostre magliette convinti e orgogliosi di trovarci insieme a migliaia di persone che di fronte ai tabù hanno scelto di rompere il silenzio.

Per vivere in libertà. E prima ancora c’eravamo nel 2016 quando, con una proposta di mozione arrivata sui tavoli istituzionali, come associazione abbiamo messo nero su bianco l’intenzione di sensibilizzare e promuovere  una tra le più importanti istanze per il viver civile: la lotta a qualsiasi tipo di discriminazione, con particolare attenzione alla cultura delle differenze, alla prevenzione e alla condanna degli atteggiamenti e dei comportamenti di natura omofobica e transfobica.

Raccoglievamo così gli esiti e i riscontri positivi della campagna contro l’omofobia che nell’anno precedente ci aveva distinti a livello provinciale con l’iniziativa #daiunbacioachivuotu tradotta a livello mediatico con la fortunata campagna autoprodotta dai nostri volontari. Lo dicevamo allora e lo ripetiamo adesso ancora più convinti: la diversità, intesa in tutte le sue forme, non può che essere un punto di forza, una caratteristica propria dell’uomo e non motivo di imbarazzo o di odio. L’orientamento sessuale non può e non deve essere un metro di giudizio.

Noi ci crediamo!

Acqua potabile, prime risposte alla nostra campagna

Questa mattina siamo stati ricevuti da Stefano Magini, Presidente di Acea Ato 5, insieme ai vertici della società, per discutere con i responsabili del gestore del servizio  idrico della nostra provincia della nostra battaglia contro l’utilizzo della plastica monouso. Dallo scorso mese di agosto abbiamo iniziato una ricognizione di tutte le fonti pubbliche dislocate sul territorio di Ceccano, segnalando alle autorità competenti quelle non funzionanti e chiedendo, per le 18 funzionanti, i risultati delle analisi più recenti. In contemporanea cercammo di approfondire i dati relativi alle analisi delle acque destinate all’uso domestico, riscontrando sul sito di Acea che i dati resi pubblici erano rimasti fermi al 2017. Fortunatamente, il gestore si è dimostrato cortese e collaborativo, e ha provveduto prontamente ad aggiornare, al seguente link: https://www.gruppo.acea.it/al-servizio-delle-persone/acqua/acea-ato-5/la-qualita-della-tua-acqua, i dati sulla qualità dell’acqua che arriva nelle abitazioni, inserendo i dati del primo semestre 2019. Fermo restando che la potabilità dell’acqua che esce dai rubinetti di casa non dipende solo dalla fonte, ma anche dai serbatoi e dalle tubature delle singole abitazioni, ogni ceccanese potrà in questo modo verificare e decidere se usare l’acqua della propria abitazione oppure continuare a comprare bottiglie di plastica. Tornando alle fonti pubbliche, nella giornata di domani presenteremo una nota ad Acea Ato 5 per conoscere le analisi di tutte le fonti pubbliche presenti sul territorio, così da poterli poi divulgare e dare finalmente il via alla nostra campagna per la riduzione del consumo di plastica. Quindi, a breve, forse sapremo finalmente dove andare a riempire le nostre borracce!

Riportiamo di seguito i risultati presi sul sito di Acea Ato 5 relativi alle sorgenti che servono il territorio di Ceccano. Per chi non sa quale sorgente serve la propria zona, è sufficiente cliccare sul link riportato in alto e cercare sulla piantina la propria area di riferimento, ottenendo facilmente i dati.

CAPO FIUME-POSTA FIBRENO

CELLETA

FABRATERIA VETUS-CAPO FIUME-POSTA FIBRENO

MOLA DEI FRATI

MOROLENSE-TUFANO

TUFANO

Eco Reattivo, basso impatto ambientale, altissimo impatto emotivo

Con le parole si può fare tutto, con le azioni si possono davvero cambiare le cose. Eco Reattivo, quando nacque l’idea tre anni fa, doveva essere un festival sostenibile, sia a livello tecnico che a livello economico, che aveva il compito di dimostrare alla società che è possibile organizzare un evento musicale di qualità pur non avendo fondi, né pubblici né privati. Musicisti disposti ad esibirsi gratis, tecnici disposti a portare un piccolo impianto gratis, volontari che allestiscono tutto, ovviamente gratis. In tre edizioni non abbiamo superato i 300 euro di spese vive, e con la serata di ieri abbiamo aggiunto un tassello fondamentale, quello della sostenibilità ambientale. Di norma in uno stand gastronomico si consuma tanta carne, tanta birra commerciale, tanta plastica e si produce una enorme quantità di rifiuti. Con uno sforzo notevole, non semplice, dobbiamo riconoscerlo, grazie agli amici de La Piccola Sosteria abbiamo allestito uno stand gastronomico completo, ma con prodotti della terra, birra artigianale certificata, zero plastica ma bicchieri e stoviglie interamente compostabili, illuminato oltretutto solo da luci a led a bassissimo consumo, come d’altronde era per tutta l’illuminazione usata per il palco e l’area del concerto, nessun manifesto stampato ma solo pubblicità sui social. Un festival musicale a impatto vicino allo zero per l’ambiente, ma a grande impatto emotivo per tutti i partecipanti, che sono stati a centinaia, nonostante il caldo e una trentina di eventi concomitanti anche a poca distanza da noi. Abbracciamo uno ad uno tutti i musicisti, dai giovanissimi Lucky Bastards, ai Lee Quore, a Pané, a Charlie Fuzz e i pazzi Caraibi, a Rhash, Blanco, Hurleeys, Fonty, ognuno di loro ha regalato una serata di musica moderna, attuale, fresca, coinvolgente per persone di tutte le età. Loro sono stati al centro di tutto, in un’epoca in cui la musica funge solo da accompagnamento alle mille fiere gastronomiche, si sente sempre più la mancanza di eventi che la mettano finalmente al centro della scena. Eco Reattivo è stato questo, e il suo triennio di esistenza è stato bellissimo. Per il futuro non ci fermeremo qui, gli esperimenti continueranno e saranno ancora più stupefacenti, restate sintonizzati.

IMG-20190727-WA0023

Eco Reattivo 3: Costo e Impatto Zero!

Ogni volta una sfida più difficile. La mission lanciata a gennaio di quest’anno da IndieGesta di mettere al bando la plastica monouso va avanti e diventa sempre più consistente. Dopo aver “risparmiato” quasi 1000 kg di plastica nei tre eventi promossi dall’inizio dell’anno (DFF14, Madre Terra e Decimo Minuto) con la terza edizione di Eco Reattivo, in programma il 26 luglio dalle 21 alla Villa Comunale di Ceccano, saliremo un altro gradino nella sfida della sostenibilità. Oltre a proseguire nella mission contro la plastica monouso, avremo all’evento uno stand gastronomico (gestito da La Piccola Sosteria) totalmente a impatto zero sia come utilizzo di alimenti (vegetariani e a km 0), che di materiali (piatti, posate, bicchieri saranno tutti compostabili). Oltre a questo, grazie alla nostra storica collaborazione con Fare Verde, la frazione organica sarà fornita a un’azienda certificata nella realizzazione di compost, il concime derivato dalla macerazione naturale dei rifiuti organici.

Parlando di musica, l’offerta sarà come sempre attuale e interessante. Ad aprire i giovanissimi Lucky Bastards, poi un tris composto dai debuttanti Lee Quore, il poliedrico Panè e i mitici Charlie Fuzz + Caraibi. In chiusura, spazio alla produzione locale più di tendenza, con Hurleeys, Blanco e Rhash. Tutto rigorosamente a costo zero, anche per il pubblico, che godrà così di una serata musicale degna dei grandi e costosi festival della penisola, in una cornice che è da anni la culla della scena musicale underground della provincia di Frosinone: la Villa comunale di Ceccano.

copertina eco reattivo 3

 

Il Blog ufficiale dell'Associazione culturale IndieGesta