Photoweek 5, i ringraziamenti

Si è trattato di una Photoweek diversa dalle precedenti, sotto diversi aspetti.

Non è stata un evento di massa, con cinque o sei eventi collaterali a riempire la settimana e migliaia di visitatori alla mostra.

Non è stata una mostra semplice da capire, in cui poi i visitatori si scattavano foto divertenti e simpatiche.

La fotografia del 2017 sta attraversando una fase di cambiamento e di discussione, la nostra Photoweek non poteva restarne immune.

Abbiamo però spinto i visitatori, che sono stati comunque più di settecento, a ragionare sull’importanza o meno di essere presenti sui social media e condividere con i loro contatti ogni attimo della loro vita, per paura che, in caso contrario, quegli attimi fossero meno importanti.

Abbiamo spinto i visitatori a mettersi in un angolo e a farsi immortalare come nei mitici Corner Portraits di Irving Penn, dove i grandi personaggi si stringevano in un angolo e dal ritratto, rigorosamente in bianco e nero, emergeva la loro anima.

Abbiamo promosso un workshop professionale di primissimo livello a un prezzo bassissimo, perché la nostra politica non si discosterà mai dall’offrire a tutti la grande qualità ma alla portata di tutti.

Guardando gli spiccioli, per questo evento abbiamo speso poco più di 800 euro, e ne sono rientrati poco più di 700, quindi con un saldo di 100 euro e spiccioli abbiamo dimostrato, per l’ennesima volta, che per organizzare un grande evento occorre solo la fantasia e la buona volontà, tutto il resto è superabile con l’entusiasmo.

Per questa Photoweek anomala, ringraziamo tutti i nostri volontari, i 27 allievi del PhotoLab arrivati alla Mostra, gli altri che si sono dovuti fermare prima ma che ci hanno seguito con affetto. E poi Francesco Pinto, Mara Compagnone, Olha Priroda, per la loro grande professionalità, gli allievi del workshop sul ritratto, il Sindaco Roberto Caligiore e la consigliera Federica Aceto, i funzionari Filippo Sodani e Vincenzina Angeletti, gli amici di Cultores Artium, tutti i visitatori, tutti i modelli che hanno accettato di farsi immortalare. Insomma, ancora una volta, tutti coloro che hanno reso possibile la Photoweek.

Ora, giusto il tempo per tirare il fiato, e si riparte.

Photoweek 5, workshop sul ritratto

Il ritratto, da sempre ritenuta una delle più affascinanti branche della fotografia, vive nel perfetto equilibrio tra conoscenza tecnica e empatia, e se la prima viene ampiamente analizzata dal fotografo neofita, la seconda viene spesso tralasciata. In realtà, creare il giusto feeling con il soggetto da fotografare è la cosa più complessa da ottenere ed è proprio ciò che fa la differenza.

Di certo, conoscere le ottiche più adatte, il giusto tipo di luce, le varie pose da far assumere al soggetto fotografato, sono fondamentali per ottenere un bel ritratto, ma il vero segreto per catturare un ritratto efficace è racchiuso nel saper comunicare.

La comunicazione è importante, non solo con il soggetto da fotografare, ma anche con ogni collaboratore presente in sala, saper coordinare assistenti, make up artist, stylist e parrucchieri è la chiave per rendere l’ambiente lavorativo armonioso e funzionale, per ottenere il massimo dalla sessione fotografica.

La Photoweek di quest’anno sarà dedicata al ritratto, oltre alla Mostra “Social/E”, un interessante workshop a cura di Francesco Pinto. Il corso sarà diviso in due, il primo giorno, martedì 19 settembre, ritratti in studio, con modelle, truccatrici, parrucchiere, costumiste, si svolgerà presso la sala pose dello Studio Creativo, in via Solferino. Il secondo giorno, mercoledì 20 settembre, sarà dedicato alla post-produzione, e si svolgerà nelle sale del Castello dei Conti di Ceccano, in piazza Mancini.

Iscrizioni Aperte. Max 15 posti. Per chiedere info sui costi e prenotare l’iscrizione è necessario inviare una mail avente come oggetto “Prenotazione WS Ritratto” all’indirizzo indiegesta@gmail.com, indicando nome, indirizzo, telefono, email, entro il 18 settembre.

FRANCESCO PINTO

mia_web
Classe 1985, Laureato in “Media Art” presso Accademia di Belle Arti Frosinone, scopro la fotografia durante gli studi universitari e ne resto affascinato.

Inizio come tutti, compro una reflex e inizio a scattare una gran quantità di foto, cercando di capire se quello del fotografo potrà mai essere il mio mestiere.

Nel 2014, dopo varie esperienze lavorative in Italia e all’estero, inizio a provarci seriamente, ho l’occasione di collaborare con un’azienda romana, la Zac, che da 30 anni si occupa di fotografia, grafica editoriale e comunicazione, e proprio con loro inizia la mia attività da professionista.

Mi occupo principalmente di fotografia di moda, sportiva e ritrattistica e sono specializzato nella post produzione fotografica.

Ho lavorato per: Miss Grand Prix, Mister Italia, Paolo Di Pofi Hair Stylist, AltaRoma, New Faces, Woman & Bride, MTV, Federazione Motociclistica Italiana, Piaggio, Bosch, Ducati, Honda, BMW, Althea Racing, Althea ceramiche, Motul, Pirelli.

I miei lavori sono stati pubblicati su: Vanity fair, Vip, Eva tremila, Corriere dello Sport, gazzettadellosport.it, corsedimoto.it, Moto sprint, Moto italia, Woman and Bride, AR “Architetti Roma”, Ciociaria Editoriale Oggi, La Provincia Quotidiano.

#photoweek5: si parte!

Sarà inaugurata Sabato 16 settembre alle ore 17 la quinta edizione della Photoweek, la settimana della fotografia ideata da IndieGesta con il patrocinio del Comune di Ceccano. A dare il via alle danze sarà come di consueto la mostra degli allievi del PhotoLab IndieGesta, che quest’anno avrà come tema Social/E.

La mostra, cui hanno preso parte 27 allievi, sarà un viaggio alla scoperta delle persone che non usano i social network.

In un’epoca in cui tutti gli individui si trovano connessi gli uni agli altri grazie ai social network, ci siamo dimenticati che esistono persone che non li usano, eppure vivono bene lo stesso. Un presupposto importante da cui partire per impostare una mostra che si basa tutta sui ritratti.

Oggi tutti hanno un profilo Facebook o Instagram. Li utilizzano in vari modi, ma la fotografia ha un ruolo predominante. Grazie alle frasi, gli stati, i post, ma soprattutto le foto che vengono pubblicate, sappiamo quasi tutto delle vite delle persone, una condivisione generale delle proprie esperienze che però spesso sfocia nell’invasione generale.

Delle persone che incontriamo sappiamo tutto, perché le vediamo nei nostri smartphone o tablet ogni giorno, eppure esistono ancora persone che non utilizzano i social, persone di tutte le età che hanno scelto di continuare a vivere come si faceva appena dieci anni fa. Noi li abbiamo cercati, per immortalarli come esempi viventi del fatto che la socialità è ancora quella che si fa dal vivo, nella vita reale, per dimostrare che uno può anche farsi belle foto, vivere esperienze magnifiche o quotidiane, e renderle reali anche senza pubblicarle sui social.

Questa sfida è stata raccolta con passione dagli allievi del PhotoLab che, coordinati dai docenti Angelo Macciocca e Riccardo Bruscino, assistiti nella fase teorico-pratica dagli assistenti Francesca Lauretti, Nicole Liburdi e Giorgio Del Brocco, hanno cercato i modelli, ne hanno studiato la storia, e infine li hanno immortalati.

Questi i nomi degli allievi del PhotoLab Base: Adelaide Fiori, Andrea Ferracuti, Antonio CristofaroAndreina GrandeAurora Ferri, Beatrice Fedeli, Camilla Cerroni, Chiara Magliocchetti, Consuelo Massa, Diana Fiori, Eugenio Compagnoni, Fabiola De Luca, Francesca Massa, Irene Cipriani, Manila Cipolla, Marco Spinelli, Marta MattoneMartina Lambazzi, Matteo Panecaldo, Michela Altobelli, Paolo Girolami, Raffaella Mangone, Samantha Marsella, Stewart Pugliese, Valeria Mingarelli, Valeria RoccaVanessa Carlini.

Per restare aggiornato segui la pagina IndieGesta  e cerca sui social l’hashtag #photoweek5

Orari di Apertura della Mostra:
Sabato 16 dalle 17 alle 23; Domenica 17 dalle 18 alle 23; Lunedì 18 dalle 21 alle 23; Martedì 19 dalle 18 alle 23; Mercoledì 20 dalle 18 alle 23; Giovedì 21 dalle 21 alle 23; Venerdì 22 dalle 21 alle 23; Sabato 23 dalle 18 alle 23.